Attacchi di panico e bisogno di trasformazione

 

L’attacco di panico, come una spia o un campanello di allarme, ci sta segnalando che il nostro organismo necessita di carburante vitale del quale siamo in riserva: l’ascolto di noi stessi.

Cos’è un attacco di panico?

Ciò che in concreto accade è lo scatenarsi un disagio psicofisico profondo, che in circa 10 minuti raggiunge la massima intensità e scompare più o meno dopo 30 minuti. Questi episodi, non sono prevedibili e possono innescarsi in qualsiasi momento.

L’esperienza dell’attacco di panico ci dà la sensazione di un imminente pericolo, con una percezione di un rischio immediato per la nostra vita che, all’apparenza, sembra non esista.

In realtà, quello che voglio raccontarvi oggi, è che non è del tutto così.

Una causa scatenante c’è, ma non arriva dall’esterno, bensì da dentro di noi.

Ciò che realmente fa l’organismo è rispondere a uno stimolo inconscio, e producendo adrenalina e noradrenalina predispone ad una reazione “salva vita” di attacco e fuga.

La domanda è: fuggire da chi o da cosa?

Quello che vorrei comunicarvi, prima di tutto, per chi è vittima degli attacchi di panico, è che:

  • è possibile trattare gli attacchi di panico
  • non c’è nulla di sbagliato in te
  • non sei solo

I sintomi che il nostro organismo produce, finalizzati a richiamare l’attenzione e “metterci in allarme”, ci stanno dicendo che, al di la della nostra percezione conscia, non siamo ne felici ne sereni come crediamo di essere.

Nella società contemporanea c’è la tendenza a conformarsi maggiormente ai nostri doveri e non ai nostri desideri. Questo implica uno scarto profondo da colmare tra ruoli e obblighi a cui attenersi e le nostre reali esigenze di benessere.

E’ così che si da poco spazio alle nostre emozioni più vere che devono essere represse per conformarsi a una vita fatta non di scelte ma di “obblighi”.

Invece che soffermarci a riflettere su questi BISOGNI, decidiamo di difendercene, proviamo ad annullarli, attraverso una negazione profonda.

In sostanza l’attacco di panico può essere visto come un messaggio, un allarme, da ascoltare, da parte del nostro inconscio, della nostra parte più vera e autentica, che è la nostra personalità profonda, la quale ci sta dicendo che ci stiamo dimenticando di qualcosa di veramente importante: noi stessi.

L’ipotesi, quindi, è che l’attacco di panico sia correlato a difficoltà di espressione dei nostri contenuti emotivi; conseguentemente si genera l’incapacità a gestire l’iperarousal psicofisiologico: i sintomi.

La persona è impossibilitata a riconoscere e gestire la sua risposta alla stimolazione di natura emozionale perché confonde quel vissuto con uno stato di allarme solo organico a cui risponde con angoscia (risposta attacco e fuga) per sopravvivere all’ipotetico pericolo.

Il soggetto, interpreta i segnali fisiologici di attivazione come gravemente minacciosi per la propria incolumità e per difendersi, prova in tutti i modi a contrastare e annullare l’attivazione fisiologica sperimentata, ma questa soluzione non è efficace.

Chi soffre di attacchi di panico generalmente evidenzia:

  • Una stima di se bassa e possiede poca fiducia in se stesso
  • Difficoltà a esprimere rabbia e disaccordo
  • Compie scelte fondamentali per compiacere gli altri
  • Sente di dover raggiungere gli obiettivi ad ogni costo

E’ consigliabile imparare a:

  • Esprimere rabbia e sentimenti negativi incanalandoli adeguatamente verso l’esterno
  • Permettersi di seguire i propri desideri senza sentirsi in colpa
  • Tollerare le incertezze della vita e la nostra vulnerabilità
  • Sapersi voler bene per quelli che si è

Nella vita di tutti i giorni ci si sente costantemente sotto pressione e si ha la sensazione di “perdere il controllo”, un controllo che vorremmo avere su tutto!

Invece dobbiamo accettare la nostra vulnerabilità e la nostra “non onnipotenza”, dobbiamo tollerare le normali e inevitabili frustrazioni che la vita ci riserva.

 

Sintomatologia secondo il DSM-V

(Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali)

Chi soffre di Attacchi di Panico sperimenta, contemporaneamente, almeno 4 dei seguenti sintomi:

  1. palpitazioni/tachicardia
  2. dolori o fastidi al petto
  3. sudorazioni
  4. brividi o vampate di calore
  5. fame d’aria
  6. sensazione di soffocamento
  7. tremori
  8. nausea
  9. mancanza di equilibrio, vertigini
  10. sensazioni di formicolio o intorpidimento
  11. sensazioni di irrealtà
  12. paura di perdere il controllo o diventare matto
  13. paura di morire

Secondo l’OMS circa un terzo della popolazione mondiale ne soffre.

La patologia, che rientra nei “Disturbi d’Ansia”, è invalidante poiché influenza in modo profondo e negativo la nostra quotidianità facendoci perdere sempre di più la gioia di vivere, costringendoci aa rinunciare a tante situazioni di socialità, e facendo della paura la nostra compagna costante.

 

Qual’è la soluzione?

Tutto ciò richiede la necessità di chiedere aiuto a uno specialista, uno psicoterapeuta, che attraverso una terapia può alleviare tale disagio psichico e migliorare qualitativamente aspetti della nostra vita così invalidanti. Paziente e psicoterapeuta, insieme, potranno indagare il valore e la funzione del sintomo rappresentato dall’attacco di panico.

Il Training Autogeno, come tecnica di rilassamento, rende possibile la gestione dell’ansia e dello stress e quindi lo consiglio vivamente.

Il farmaco può essere utile, ma solo se inserito all’interno di un trattamento più complesso che preveda inevitabilmente la presenza di uno psicoterapeuta.

La finalità sarà di ritrovare la propria autenticità, togliendoci le pesanti maschere indossate fino ad oggi e, abbandonando i ruoli a cui ci siamo sentiti costretti, sentirci di nuovo padroni della nostra vita e non vittima di essa.

La vita è un’esperienza meravigliosa, non perdertela!

Curiosità

La parola panico ha origini greche, nello specifico nel “dio Pan”, mezzo uomo e mezzo caprone. Egli appariva improvvisamente sul cammino altrui, seminando terrore, per poi scomparire velocemente. Chi lo incontrava restava in uno stato d’impotenza, incapace di spiegare l’accaduto.

 

Dott.ssa Antonella Rocco

Psicologa – Psicoterapeuta

Operatrice Certificata per il Training Autogeno

 


Ansia, paura e fobia.

Quando ansia e paura controllano la nostra vita

Da dove nascono e come superarle

L’ansia è un’esperienza emozionale che sperimentano tutte le persone.

Normalmente, attiva reazioni fisiologiche, che permettono all’organismo di rispondere adeguatamente a stimoli interni ed esterni e di adattarsi funzionalmente all’ambiente circostante.

Se quest’attivazione diviene continua e di forte intensità, la risposta diverrà disfunzionale e deleteria.

L’ansia vissuta in queste situazioni diviene patologica e si manifesta attraverso una spiacevole sensazione diffusa di apprensione, accompagnata da sintomi fisici (palpitazioni, sudorazioni, tremori, alterazioni della respirazione, del ritmo cardiaco) ma anche da sintomi psichici: sensazioni di pericolo continue e preoccupazioni che appaiono immotivate. Può succedere anche che subentrino paure realistiche rivolte a luoghi, situazioni, persone o animali, verso i quali il soggetto sviluppa un comportamento necessariamente evitante e spesso invalidante per la propria vita, associandovi forte quote di ansia; in questi casi parliamo di fobie.

Tutto questo ha una ripercussione importante sul nostro comportamento, che ne subisce una modificazione negativa con alterazioni del ritmo sonno veglia, del comportamento alimentare, delle condotte motorie caratterizzate da irrequietezza, problematiche di attenzione e difficoltà relazionali importanti.

Differentemente, quando parliamo di paura, nei suoi aspetti di normalità, ci riferiamo a una risposta che ha caratteristiche di breve durata rispetto a una minaccia conosciuta, da evitare.

Gli studi di Freud

Secondo Freud, che studiò le basi psicologiche dell’ansia, questa è un segnale per la persona rispetto a sollecitazioni provenienti dall’Es, la nostra parte inconscia, sconosciuta a noi stessi, che premono per una rappresentazione conscia.

Proprio attraverso il concetto di conflitto inconscio e dell’impossibilità della persona a gestirlo, nasce il termine “rimozione”,  cioè evitamento di un pensiero doloroso e traumatico che viene escluso dalla realtà perché ritenuto inaccettabile e insopportabile.

Freud considerò l’insorgenza dell’ansia come una reazione a eventi della realtà attuale della persona, che sono solamente collegati con associazioni inconsce al ricordo delle precedenti esperienze minacciose e traumatiche, che sono state rimosse.

La persona, in questi casi, è esposta a uno stimolo che non riesce a padroneggiare e l’impotenza psichica e fisica che ne deriva determina una grave crisi di angoscia. Se la minaccia avvertita è così forte da attivare vissuti di percezione rischio per la propria sopravvivenza personale, psichica e fisica, può subentrare un vissuto di attacco di panico.

Come Freud identificò nell’Io il sito psicologico dell’ansia, altre teorie, nel tempo, si sono evolute e hanno continuato a studiare e spiegare i meccanismi che sottendono la comparsa dell’ansia, abbandonando la visione individuale e riconoscendo l’importanza di considerare la dimensione relazionale.

Ansia come disagio relazionale: due teorie

1) La teoria della Gestalt ci mostra come l’odierna difficoltà di vivere le relazioni affettive, i sempre più diffusi livelli conflittuali di rapporto, gli sfumati disturbi d’identità complicano l’incontro tra la persona e l’alterità: il “confine di contatto” con ciò che è fuori da noi, è percepito non più come limite naturale e salutare, ma come imposizione o dipendente o aggressiva sull’altro.

I vissuti di ansia risultano quindi legati all’esperienza di allargare i confini, ai timori legati alla novità, all’ignoto.

Il grado di sicurezza, che si è sperimentato durante l’infanzia, nel legame di attaccamento con la nostra figura di accudimento ha una forte rilevanza in quanto determinerà la nostra fiducia interiore e la nostra forza d’animo che renderanno possibile l’esplorazione di se stessi, dell’altro e dell’ambiente.

È così che, in psicoterapia, emerge una visione intersoggettiva dell’identità: l’individuo, l’ambiente, la relazione, sono compresenti e coagenti nel campo, definito dalla Gestalt psicosociale “campo relazionale”.

La sicurezza interiore, quindi, si nutre di un confine mobile, flessibile, permeabile, che rende possibile l’esplorazione dell’ignoto.  Questa esperienza, quando deficitaria, è rivissuta in psicoterapia e consolidata nella relazione terapeutica.

2) Negli anni 50’ l’orientamento sistemico-relazionale spiega il comportamento dell’individuo focalizzando l’attenzione sull’ambiente in cui esso è vissuto, sul sistema, sulla rete di relazioni significative di cui egli è parte.

Il sintomo non viene più considerato come l’espressione di problematiche individuali, ma indica una disfunzione dell’intero sistema familiare; la diagnosi fa riferimento alla clinica e al funzionamento del singolo e del suo gruppo di appartenenza all’ interno dello specifico contesto.

Nella Terapia individuale sistemica, che caratterizza il mio approccio di lavoro, gli incontri prevedono una convocazione individuale. Tuttavia l’individuo, pur essendo solo nella stanza di terapia, porta comunque con sé tutte le relazioni significative che animano la propria vita nel presente, nel passato e nell’ipotetico futuro. L’attenzione del terapeuta sarà pertanto in ogni modo rivolta alla dimensione relazionale ed interattiva del cliente, non tralasciando comunque pensieri, emozioni, storie e vissuti legati alla dimensione individuale.

Il lavoro psicoterapeutico non è dunque prettamente rivolto al trattamento del sintomo presentato, ma alle situazioni relazionali che lo hanno generato.

Contesto attuale e contesto storico si incrociano nella relazione terapeutica, che ricapitola nel presente la storia della persona.

Lo psicoterapeuta consente di creare e mantenere nel paziente il senso di sé e la relazione con l’altro attivando un nuovo slancio vitale e superando l’impasse.

Cosa fare?

I disturbi d’ansia, oggi, sono la patologia psichica più frequente.

Il Manuale Diagnostico cui fa riferimento il Ministero della Salute (DSM V), propone cinque categorie principali:

  • Fobie specifiche
  • Disturbo di panico o attacchi di panico
  • Disturbo d’ansia generalizzato
  • Ipocondria o ansia per la salute
  • Disturbo post-traumatico da stress
  • Disturbo acuto da stress

Attualmente sono più diffusi che in passato e maggiormente frequenti all’interno della popolazione. Io ritengo che ciò accada perché, rispetto a quanto descritto sopra, viviamo in una società “che coltiva” questi disturbi, una “società liquida” all’interno della quale “l’alterità” al di fuori di se stessi, il travalicamento del confine personale è sempre più fonte di minaccia e pericolo. Inoltre, oggi, ciascuno è più solo di fronte ai suoi timori e l’ansia cresce e si diffonde maggiormente. Mancano tutta una serie di “contenitori” sociali che una volta potevano sostenere il singolo, le famiglie, i gruppi: le famiglie allargate, la scuola, il patronato, la piazza!

L’ansia induce un’infiammazione generalizzata che, a cascata, favorisce malattie cardiovascolari, disturbi del sonno, patologie metaboliche. Inoltre può aprire le porte alla dipendenza dall’alcool poiché molti provano a sedare le emozioni ricorrendo alla bottiglia. Un altro esito molto frequente è la depressione.

La maggior parte delle persone che soffre di ansia prima o poi prova a curarsi. Spesso non trova una soluzione perché si sottopone a innumerevoli visite mediche ipotizzando le più improbabili malattie organiche, più facili da ammettere rispetto alla consapevolezza di un disagio psicologico. Questo fa luce sul fatto che lo stigma sociale del pregiudizio è ancora vivo nella nostra società, anche se minore rispetto al passato. Quando però queste stesse persone sono esposte a un evento stressante, il problema ritorna e si riacutizza. Allora può succedere che si ricorra ai farmaci che non agiscono sulla causa e quindi non eliminano il problema, soltanto attutiscono il sintomo che invece può essere risolto definitivamente andando alla radice dell’origine.

Il mio suggerimento è quello di intraprendere un percorso di psicoterapia. I trattamenti psicologici hanno buoni effetti sulla durata dei miglioramenti. Questi effetti risultano superiori, nel lungo periodo, a quelli dei farmaci. Approcci diversi al farmaco sono di aiuto sulla gestione del sintomo, come il Training Autogeno, che propongo ai miei pazienti: una tecnica di rilassamento che permette alla persona di generare la calma e la distensione.

Con il Training Autogeno impariamo ad attivare una risposta di rilassamento e distensione diminuendo l’attività del sistema simpatico e aumentando quella del sistema parasimpatico; in uno stato di veglia attraverso il rilassamento mettiamo il nostro organismo e la nostra mente a riposo producendo benessere.

Affidarsi ad un professionista competente vi aiuterà a di ritrovare una dimensione di vita equilibrata e più serena, liberandovi dalla schiavitù dell’inquietudine e riprendendo in mano le redini della vostra vita. Un percorso di psicoterapia vi permetterà di comprendere l’origine del problema e attraverso un valido sostegno, di poterlo superare. Nella mia impostazione professionale i tempi di un lavoro psicoterapico hanno una durata limitata nel tempo.

Nel frattempo…

I sintomi dell’ansia, per strutturarsi in una persona hanno impiegato tanto tempo, anche se a volte non se ne è consapevoli, quindi non è possibile pensare a soluzioni magiche ed estemporanee.

Può aiutarvi:

  • Scrivere un diario, trovare un focus, una connessione, tra i vostri pensieri e le vostre emozioni, raccontando in quali situazioni è successo cosa. Spesso chi soffre di ansia subisce la pressione di non sapere perché si senta sempre sotto pressione.
  • Praticare il rilassamento. Il rilassamento fisico conduce al rilassamento mentale. Con un allenamento costante riuscirete a ridurre i livelli di ansia e potrete essere maggiormente consapevoli delle vostre emozioni attivando una certa abilità di gestione.
  • Controllare l’autocritica. I soggetti ansiosi sono molto critici con se stessi e tendono sempre a sminuire e svalorizzare se stessi. Al contrario sostituite una frase con valenza negativa con una positiva.
  • Gratificatevi. Dedicare del tempo ad attività, di qualsiasi tipo, che possano essere gratificanti per voi, è fondamentale. Io lo “prescrivo” sempre a tutti i miei pazienti.

Il disagio in cui vivono le persone che soffrono di queste manifestazioni è importante e non va sottovalutato. Non esitare a confrontarti con uno psicoterapeuta e a chiedere l’aiuto di cui hai bisogno per riuscire a stare meglio.

Dott.ssa Antonella Rocco

Psicologa – Psicoterapeuta

Operatrice certificata di Training Autogeno