Fine o NUOVO INIZIO?

Tra i 45 e i 55 anni nella vita di una donna inizia il periodo della menopausa.

Durante questa fase di naturale cambiamento il corpo subisce delle profonde modificazioni e possono essere presenti i sintomi caratterizzanti tipicamente questo periodo: palpitazioni, sudorazioni improvvise e vampate, difficoltà legate al sonno. Gli ormoni hanno un ruolo fondamentale poiché hanno un effetto profondo sul sistema nervoso centrale e sono la causa di possibili sbalzi d’umore.

Tutto ciò non implica che lo stato d’animo vissuto dalla donna, in questo momento, sia legato a fattori oggettivi che appartengono alla menopausa, questo è un falso pregiudizio.

L’emotività, che la donna legherà in questa fase della sua vita, sarà soprattutto influenzata dall’immagine che lei stessa associa a questo periodo.

Un’influenza importante deriva dalla cultura sociale cui apparteniamo e anche da quella familiare, quindi da come c’è tramandata l’immagine collettiva e familiare della menopausa.

È così che ritroviamo diverse immagini associate alla menopausa:

  • Menopausa come libertà: dal vincolo del ciclo mestruale e dal rischio di rimanere incinta; questo ci permette di vivere più liberamente la nostra quotidianità e la nostra sessualità.
  • Menopausa come conto alla rovescia: inizio della vecchia, inizio della fine.
  • Menopausa come perdita: della giovinezza, della bellezza, della sensualità, della femminilità.
  • Menopausa come “indifferenza”: considerando la transitorietà di questo momento.

Dal punto di vista psicologico, a tutela della salute della donna, è importante valutare dei possibili fattori di rischio che possono essere all’origine di vissuti e stati d’animo negativi.

Uno di questi è se la donna in questo periodo cessa la propria attività lavorativa, oppure vede in contemporanea l’uscita di casa dei figli(sindrome del nido vuoto), o non può reinvestire sul proprio rapporto di coppia. In questi casi  è possibile sentirsi inutili, prive di obiettivi o scopi.

È per questo che, per contrastare efficacemente queste eventualità, vanno ricercati e valutati dei fattori protettivi, positivi, che ci consentono di vivere con serenità questa fase di passaggio a una nuova epoca della nostra vita.

Vediamoli assieme:

  • Reinvestire sui propri rapporti interpersonali: di coppia, familiare e amicale, dedicando più tempo a incontri e momenti di condivisione.
  • Decidere di dedicare maggiore tempo a se stesse: coccolarsi e viziarsi, concedendosi trattamenti estetici e finalizzati alla valorizzazione della propria bellezza, rispolverare vecchi hobby o trovandone dei nuovi facendo ciò che più ci piace e ci far stare bene.
  • Preoccuparsi di prendersi maggiormente cura di se stesse: fare attività fisica per contrastare i sintomi legati al cambiamento in corso, producendo endorfine, aumentando l’elasticità della pelle e favorendo un’energia fisica maggiore. Migliorare l’alimentazione e dedicarsi ad attività di rilassamento. Io consiglio il Training Autogeno, una tecnica efficace per contrastare tutti i sintomi presenti in questo momento. Nella mia esperienza clinica, in Training Autogeno ha aiutato in modo valido e veloce le mie pazienti a stare meglio e a ritrovare se stesse, potendo avere nuovamente controllo sulla propria vita.
  • È fondamentale poter condividere le emozioni e i pensieri che viviamo in questo periodo, affidandosi prima alle persone che ci sono vicine senza mai vergognarsi a farlo; poi, consiglio di farlo anche con dei professionisti competenti: il nostro medico di base, il ginecologo e un terapeuta, per ricevere sostegno e tutte le indicazioni utili anche a risolvere eventuali difficoltà.

E’ importante non considerare la menopausa come la “fine” ma decidere di utilizzare questo periodo della nostra vita come un tempo dedicato alla rinascita, per riscoprire se stesse e poter rivalutare la propria immagine. Rimettersi in gioco, potenziando la nostra autostima, per ripartire con una nuova forza e una nuova bellezza.

Dott.ssa Antonella Rocco

Psicologa Psicoterapeuta